Superconsulenti sì, purché non siano calabresi: Occhiuto ora non vuole più i cervelli in fuga

Eppure prima di conquistare la Regione aveva inseguito la retorica delle eccellenze e dei talenti emigrati altrove. Dalla sanità alla comunicazione dove si pesca in quota forzista, mentre la rivoluzione della burocrazia in Cittadella può attendere

Condividi

Recenti

Lo scorso 18 ottobre lo stesso Roberto Occhiuto che oggi rivendica il suo «cambio di passo» lanciava, da Milano, una delle dirette a cui avrebbe poi abituato il suo pubblico social. Ancora fresco di elezione, e gigioneggiando un po’, spiegava come tutti, in quel momento, gli chiedessero notizie sull’imminente composizione della sua giunta. Il governatore/factotum della città si descriveva invece come «più impegnato» a cercare «personalità di assoluta qualità» da «coinvolgere, in ruoli chiave», nel «progetto di rilancio della Regione». Obiettivo dichiarato del suo scouting lombardo erano i «calabresi che se ne sono dovuti andare, ma che magari sognano di tornare».

Visto che è stato lui a rispolverare il refrain della diaspora e delle eccellenze, ma senza alcuna voglia di alimentare campanilismi di cui non si sente il bisogno, vale la pena dopo 3 mesi andare a indagare il giro di nomine che si è nel frattempo innescato in quel di Germaneto. Un generatore semiautomatico di incarichi che al momento, sempre al netto della retorica calabrocentrica, non pare inquadrabile nella narrazione, cara a Roberto Occhiuto, del nativo illustre che torna nella riserva indiana a dispensare virtù e conoscenze.

I superconsulenti in quota Bertolaso

I botti di Capodanno, per esempio, alla Cittadella li hanno sparati reclutando due superconsulenti per nulla calabresi, ma che godono entrambi del requisito di provenire dal cerchio magico di Guido Bertolaso. Si tratta di Agostino Miozzo ed Ettore Figliolia, chiamati da Occhiuto a occuparsi rispettivamente di sanità e questioni giuridiche. A onor del vero non avranno dei supercompensi, ma del loro primo mese al servizio della causa calabrese non sembrano esserci grandi tracce. A parte qualche conferenza stampa, un paio di interviste e certamente molte videochiamate.

Uno come Miozzo, d’altronde, nel 2019 dichiarava 213mila euro di incarichi pubblici (fonte Presidenza del Consiglio), mentre ora dalla Regione Calabria avrà 12mila euro all’anno (più rimborsi spese). A parte la sua democratica smania di «arrestare» i no-vax, per adesso l’ex coordinatore del Comitato tecnico scientifico – che Giuseppe Conte voleva nominare commissario alla sanità – ha fatto scoprire alla Calabria le magnifiche e progressive sorti della telemedicina, una cosa di cui nell’Unione Europea si parla dal 2008.

Ma la Calabria potrà godere anche delle sue competenze in materia di «riorganizzazione del sistema regionale di emergenza urgenza». Lo stesso settore per cui Occhiuto ha annunciato un accordo con Areu (l’Agenzia che se ne occupa per la Regione Lombardia) ribadendo l’obiettivo di «importare buone pratiche senza inventarsi nulla di nuovo». A questi intenti non ha reagito benissimo la Fismu (affiliata Cisl Medici) che ha invitato il governatore a parlare con i medici e a guardare «alle esperienze che funzionano sul territorio».

Aspettando Bortoletti

Certamente meno rumoroso di Miozzo è Figliolia, che dopo anni in servizio all’Avvocatura dello Stato, e con una lunga sfilza di incarichi governativi alle spalle, ora si occuperà di «temi giuridici riguardanti l’azione di governo» della Regione Calabria. Tante volte in questi anni, in effetti, la Regione ha ingaggiato contenziosi non sempre fortunati con il governo nazionale, ma questi quasi sempre riguardano le leggi regionali che, in teoria, sarebbero di competenza del Consiglio.

Roberto-Occhiuto-Maurizio-Bortoletti-I-Calabresi
Il colonnello dei Carabinieri, Maurizio Bortoletti

Uno che ci servirebbe come il pane, nel pieno delle sue funzioni, sarebbe invece il subcommissario alla sanità Maurizio Bortoletti. Colonnello/manager che ha risanato un buco enorme nella sanità campana, è stato nominato per affiancare Occhiuto a metà novembre. Ma ancora oggi non è operativo per via di un braccio di ferro con l’Arma dei carabinieri dovuto alla procedura per il suo “distacco”.

Alla comunicazione pensa Forza Italia

Vabbè: lasciando da parte i nomi altisonanti e le consulenze in remoto, ci sono comunque anche altri esterni, meno noti ma rigorosamente non calabresi, chiamati in questi mesi alla corte di Occhiuto. Il suo portavoce, per esempio, dal 16 novembre – ma lo aveva seguito già in campagna elettorale – è il messinese Fabrizio Augimeri. Giornalista professionista, già portavoce di Mariastella Gelmini, consigliere per la comunicazione di Renato Brunetta e capo ufficio stampa del gruppo di Forza Italia alla Camera, ha – oltre ai rimborsi spese per le missioni – un trattamento economico pari a quello di un dirigente di settore della Giunta regionale di fascia A.

Roberto-Occhiuto-Augimeri-Gelimini-I-Calabresi
Fabrizio Augimeri quando era portavoce di Mariastella Gelmini

Ma evidentemente lui non basta, perché ad occuparsi di comunicazione istituzionale il presidente della Regione ha chiamato anche un’altra «esperta esterna»: Veronica Rigoni, «in possesso di alta qualificazione professionale», già consigliere comunale a Creazzo (Vicenza) e responsabile della comunicazione dei giovani di Forza Italia. Neanche lei calabrese, e da quanto risulta nemmeno iscritta all’albo dei giornalisti, avrà un compenso di 36mila euro per un anno.

Silvio-Berlusconi-Veronica-Rigoni-I-Calabresi
Silvio Berlusconi e Veronica Rigoni, ex consigliere comunale in provincia di Vicenza e responsabile comunicazione giovani FI

La rivoluzione di Roberto Occhiuto può aspettare

Pure guardando ai dirigenti autoctoni, però, non sembra che sulla Cittadella si sia abbattuta quella rivoluzione burocratica che era stata annunciata. A fronte di due nuovi direttori generaliIole Fantozzi alla Sanità e Claudio Moroni alle Infrastrutture – altri due – Filippo De Cello al Bilancio e Maurizio Nicolai alla Programmazione comunitaria – sono rimasti dov’erano.

L’arrivo di Fantozzi alla Salute ha suscitato malumori dentro e fuori il palazzo. Ma ancora più perplessità ha sollevato la conferma di Nicolai. È il manager protagonista, in negativo, del blocco dei 69 milioni di euro per cui Roberto Occhiuto è dovuto andare fino a Bruxelles. Ed è anche un politico: si era candidato con Forza Italia alle Regionali del 2020 prendendo, nel collegio di Cosenza, 3.279 voti.

Fatte salve alcune indubitabili competenze, alla fine è pur sempre la politica che sponsorizza superconsulenti e incaricati di partito. Chiamati da fuori, alla faccia dei «calabresi che se ne sono dovuti andare», a colonizzare una regione già tradizionalmente terra di conquista che, per ora, non è proprio quella «che l’Italia non si aspetta».

Sostieni ICalabresi.it

L'indipendenza è il requisito principale per un'informazione di qualità. Con una piccola offerta (anche il prezzo di un caffè) puoi aiutarci in questa avventura. Se ti piace quel che leggi, contribuisci.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.