Russia e Ucraina, è guerra: non si può restare indifferenti

Condividi

Recenti

Come era largamente prevedibile la Russia ha invaso l’ Ucraina e portato la guerra in Europa.
Nessuno può dichiararsi non colpito dal punto di visita razionale e sentimentale da questo evento.
Nessun organo di informazione può riferire oggi e commentare solo i fatti del proprio cortile, ignorando che in Ucraina Vladimir Putin e la Russia hanno dato il via a una nuova guerra.

Per molte ragioni facilmente intuibili. Per una in particolare, perché cittadini ucraini, centinaia di migliaia, vivono e lavorano in Italia, una comunità che nella stragande maggioranza si è ben inserita, aiuta i nostri anziani, consente a tutti di poter contare in caso di necessità sulla loro opera fatta – nell’esperienza di molti di noi – di cura affettuosa e fedele.

A questi nostri amici ucraini, comprensibilmente preoccupati anche per la sorte dei familiari rimasti in patria, i Calabresi, inteso questa volta come popolo e non solo come testata giornalistica, che hanno nella propria cultura i valori dell’ accoglienza e della solidarietà, manifestano la loro vicinanza amicale e sincera.

Sostieni ICalabresi.it

L'indipendenza è il requisito principale per un'informazione di qualità. Con una piccola offerta (anche il prezzo di un caffè) puoi aiutarci in questa avventura. Se ti piace quel che leggi, contribuisci.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.