Galleria Nazionale, dove la cultura ha il weekend libero

Condividi

Recenti

Gentile direttrice Rossana Baccari, gentile sindaco Franz Caruso, mi perdonerete per questa lamentela aperta, pubblica, ma sia sabato che domenica scorsa, ho tentato di fare visita alla Galleria Nazionale di Palazzo Arnone. Senza successo, perché ho poi scoperto, non senza rammarico e delusione, addirittura dalla pagina Facebook della Galleria, che sabato e domenica la Galleria è chiusa!
A prescindere dallo stato di degrado e abbandono in cui versa l’esterno (non mi è stato possibile verificare l’interno), dai cartelli sbiaditi delle mostre, dalla (ex) segnaletica completamente illeggibile, sfido chiunque a rintracciare una qualsiasi minima informazione sul museo, sugli orari, sulle possibilità di accesso, su un telefono. Insomma, sull’attività di una istituzione pubblica regionale, di interesse nazionale. Ed è paradossale, ripeto, che si debba cercare, non senza difficoltà, tali notizie su un social, per l’unico museo pubblico importante di Cosenza.

Tutti aperti, non la Galleria Nazionale

Pertanto, sarebbe davvero un gesto civico, che apprezzerei non poco, se mi fosse spiegato perché mai i giorni di sabato e domenica, in cui ognuno di noi dispone di maggiore tempo libero (e in cui solitamente i Musei fanno il pienone), a Cosenza il Museo Nazionale invece è chiuso, contro la larga tendenza nazionale che prevede la chiusura il lunedì e l’afflusso maggiore nei weekend!
Forse capisco da questo che i numeri risibili, circa 17.000 visitatori all’anno, per un Museo che contiene opere d’arte importantissime sono dovuti ad una scelta del tutto fuori dalla prassi consolidata. E per questo signor Sindaco, mi rivolgo a lei, per confermare il triste bilancio realistico che la cultura, l’arte, la bellezza, a Cosenza, sono Cenerentole di quella che lei si ostina ancora, con nostalgia, a chiamare l’“Atene delle Calabrie”!

galleria-nazionale-cosenza-foto-rinaldo-panucci-1024x768
Opere esposte alle pareti di una delle sale di Palazzo Arnone

Un problema che va oltre i fondi

Un Museo come questo, in una terra difficile e povera di spinte alla meraviglia come la Calabria, merita ben altra dinamicità. Merita di fare sistema, di essere guida di un modello diffuso di conoscenza su tutto il territorio. Merita di ospitare mostre ed eventi di livello nazionale, stimolare la conoscenza sulle Arti, ospitare con regolarità scolaresche, turisti, comitive di calabresi. E la sfida è proprio qui, ovvero sapere attrarre i visitatori in un’epoca in cui la competizione è sempre più tra reale e virtuale!
Sono stanco e stufo, io come molti altri calabresi e meridionali, però di sentirmi rispondere che non ci sono fondi, perché non è questa la ragione. Temo invece non ci sia passione, entusiasmo, voglia di guardare oltre e cambiare un modello scontatamente perdente. Non c’è nemmeno cura, perché cambiare una sbiadita segnaletica, mettere su i paracarri, aprire i fine settimana costa pochissimo!

Una proposta per la Galleria Nazionale

Una proposta semplice: di recente, proprio il Ministero della Cultura ha stabilito che molte opere che giacciono nei magazzini dei grandi Musei, che non hanno spazio per esporli al pubblico, possano trovare luogo nei piccoli musei di provincia. Che possa essere questa la volta buona per un rilancio della Galleria Nazionale e l’apertura di altri spazi per l’arte? Per aprire un dialogo tra le città conurbate, tra enti pubblici e quel privato disponibile a investire e che gestisce spazi idonei, come il Castello di Cosenza, tra tutti, per offrire ai cittadini una scelta di selezione di luoghi da visitare, che contemplino secoli di storia dell’arte e non qualche brandello di mostre tra degrado e incuria?

Ministero-della-Cultura
La sede del Ministero della Cultura a Roma

Sindaco, si faccia portavoce di una richiesta collettiva al ministro, e con la direttrice Baccari, arricchite le collezioni cosentine. Fate di questo Museo un luogo di eccellenze, attrattivo. Questo sì che sarebbe un bel segno di vitalità culturale, tanto semplice, immediato, ma di grande efficacia e lungimiranza, apprezzato dai calabresi e da chi ama l’arte e la bellezza!
Con i più cordiali saluti e l’auspicio di stimolare una seria riflessione su temi dirimenti,

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.