Tragedia a Paola, 4 morti per esalazioni tossiche del mosto

Le vittime erano parenti tra loro e vivevano a Fuscaldo. Per il procuratore Bruni il locale dove si è consumata la tragedia «non era sufficientemente arieggiato»

Condividi

Recenti

Quattro morti e una donna gravemente ferita a Paola, in provincia di Cosenza. Le vittime hanno respirato le esalazioni tossiche del mosto in fermentazione. La tragedia si è consumata stamane in località San Miceli.

I nomi delle vittime

A perdere la vita sono stati Giacomo e Valerio Scofano rispettivamente di 70 e 50 anni e Santino e Massimo Carnevale, padre e figlio di 70 e 40 anni. Pare che dopo il decesso della prima persona giunta nella vasca, gli altri tre – nel tentativo di salvarle la vita – sarebbero intervenuti. Nemmeno per loro c’è stato scampo. La donna è stata trasportata in elicottero all’ospedale di Cosenza. Tutti erano appartenenti allo stesso nucleo familiare e vivevano nel vicino centro di Fuscaldo.

Le probabili cause del decesso

Tre persone sono state trovate all’interno della vasca mentre una quarta era posizionata quasi all’esterno del locale forse nel tentativo estremo di uscire.
La morte dei quattro sarebbe sopravvenuta a causa della mancanza di ossigeno all’interno del locale.

il procuratore Bruni: locale non arieggiato bene

«Il locale in cui le quattro vittime stavano preparando il vino non era sufficientemente arieggiato». È quanto ha riferito all’Ansa il procuratore della Repubblica di Paola, Pierpaolo Bruni. Le vittime si trovavano in un magazzino di loro proprietà. I loro corpi sono stati trovati dai vigili del fuoco dei distaccamenti di Paola e Rende. La Procura di Paola ha avviato un’inchiesta su quanto é accaduto. Sul posto si é recato il sostituto procuratore Antonio Lepre. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Paola.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.