Cresce ma non troppo: la Calabria secondo Bankitalia

Più 5,7% dell'economia regionale, che segue il trend del Mezzogiorno ma arranca rispetto al Nord. Bene l'edilizia, grazie agli incentivi pubblici, a rischio i consumi delle famiglie

Condividi

Recenti

In Calabria, l’economia è cresciuta del 5,7%. Questo dato è in linea col resto del Mezzogiorno ma inferiore di circa un punto da quello nazionale.
Il territorio ha risentito dei contraccolpi delle vicende epocali succedutesi nell’ultimo biennio, a partire dal Covid a finire col conflitto russo-ucraino.

Bankitalia: crescita frena per colpa della guerra

Lo confermano le analisi del rapporto annuale della filiale regionale di Bankitalia, che delineano una sorta di ripartenza “frenata”.
I risultati della ricerca sono stati illustrati a Catanzaro dal direttore Sergio Magarelli e dai ricercatori Giuseppe Albanese (coordinatore), Antonio Covelli, Enza Maltese, Graziella Mendicino e Iconio Garrì.
Le conseguenze negative del conflitto in Ucraina – si apprende dal rapporto – si avvertono nei settori ad alta intensità energetica. Questi settori pesano per il 9,6 % del totale del valore aggiunto regionale (8,5 in Italia), in ragione delle oscillazioni tariffarie che hanno determinato forti rialzi dei costi di produzione.

rapporto-bankitalia-calabria-crescita-arranca
La presentazione del rapporto di Bankitalia a Catanzaro

Le aziende prevedono, da questo punto di vista, solo un parziale assorbimento dello shock. Il quale dovrebbe avvenire attraverso una riduzione dei margini di profitto e incrementi dei prezzi di vendita. Ma tutto questo avrà conseguenze sul potere di acquisto delle famiglie in materia di elettricità, gas e prodotti alimentari.

In Calabria va meglio l’edilizia

Il settore industriale ha avuto il maggiore giovamento dalla ripresa, in particolar modo l’edilizia, grazie alla crescita di investimenti pubblici e incentivi (superbonus). Più graduale l’impatto positivo sui servizi. C’è stato comunque un recupero di redditività e liquidità delle imprese anche per l’ampio ricorso alle misure pubbliche con boom del ricorso a nuovi prestiti con garanzia dello Stato e aumento del grado di indebitamento. Gli spiragli positivi per il 2022, ha spiegato Magarelli, sono legati all’attuazione del Pnrr. Il Piano, infatti, prevede in Calabria investimenti su infrastrutture e servizi pubblici da sommare ad altri interventi con risorse nazionali ed europee, assolutamente da non perdere.

Sostieni ICalabresi.it

L'indipendenza è il requisito principale per un'informazione di qualità. Con una piccola offerta (anche il prezzo di un caffè) puoi aiutarci in questa avventura. Se ti piace quel che leggi, contribuisci.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.