La variante XJ arriva anche in Italia: primi due casi isolati a Reggio Calabria

La scoperta dell'Asp confermata dall'Istituto superiore di Sanità: è una versione ricombinata di Omicron e Omicron 2 e si diffonde con più facilità

Condividi

Recenti

È più contagiosa delle altre che abbiamo conosciuto finora e nessuno l’aveva ancora isolata in Italia: XJ, l’ultima variante del coronavirus ha scelto Reggio Calabria per sbarcare dalle nostre parti. Individuata in Finlandia alla fine dello scorso mese, dalle nostre parti non risultavano ancora casi. Ma è stato il laboratorio dell’Asp di Reggio Calabria, diretto da Maria Teresa Fiorillo, a individuare ieri i primi due soggetti ad averlo contratto. I medici di via Willermin hanno segnalato la circostanza all’Istituto superiore di Sanità, che ha confermato il risultato.

Variante XJ, la spiegazione dell’Asp di Reggio Calabria

A quel punto è stata la stessa Asp di Reggio Calabria a diffondere la notizia. Nella nota diffusa dall’Azienda sanitaria si legge che «La variante XJ è una ricombinazione della variante Omicron costituita da una forma ibrida dei ceppi Omicron 1 e Omicron 2 e comporta un aumento del tasso di contagiosità»

Sostieni ICalabresi.it

L'indipendenza è il requisito principale per un'informazione di qualità. Con una piccola offerta (anche il prezzo di un caffè) puoi aiutarci in questa avventura. Se ti piace quel che leggi, contribuisci.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.