VIDEO | E una parte del Pd non dispiaceva a Formisani

Condividi

Recenti

Con una parte del Pd l’accordo per le elezioni comunali di Cosenza era possibile. Valerio Formisani, il candidato a sindaco più a sinistra di Cosenza, torna su una questione che ha animato il dibattito politico degli ultimi mesi prima del voto. Tutto comincia con il tavolo Miccoli, l’ex commissario provinciale del Pd di Cosenza. Si dimette e torna a Roma.

 

Miccoli va via e arriva Francesco Boccia a mettere mano alla complicata matassa cosentina e calabrese. Cambiano gli equilibri e tutto il Pd si arrocca sul socialista Franz Caruso. Si interrompe il dialogo con le altre forze del centrosinistra e della sinistra come Formisani. Bianca Rende, ex Pd e Italia Viva, corre da sola. Dopo un iniziale accenno di intesa con Formisani, anche questo percorso si interrompe.

GUARDA GLI ALTRI VIDEO DELLO SPECIALE ELEZIONI

La cosa peggiore dei 10 anni di Occhiuto?

La cosa migliore dei 10 anni di Occhiuto?

Metro sì, metro no?

Riapertura di viale Parco: favorevole o contrario?

Quali sono i sette colli di Cosenza?

Dove si trova U Tanninu? E contrada Ciomma?

Nuovo ospedale: dove e perché?

Città unica Cosenza-Rende: favorevole o contrario?

Perché vuoi fare il sindaco di Cosenza?

Le prime tre cose che farai se vinci?

Se non fossi candidato, chi voteresti?

Se altri due fossero al ballottaggio, chi voteresti?

Sei di destra, sinistra o centro?

Centro storico, qual è la tua proposta più concreta?

Chi rappresenta di più Cosenza: Telesio, Alarico, Mancini, Totonno Chiappetta, Marulla?

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi in anteprima sul tuo cellulare le nostre inchieste esclusive.