Maria Concetta Loria

Maria Concetta Loria è nata in Svizzera ma vive e lavora a Cosenza occupandosi di formazione. Si è laureata in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, successivamente ha conseguito un diploma di Europrogettazione per i Beni Culturali. Ha pubblicato il saggio Teatro della contestazione nell’Italia delle lotte studentesche negli anni ’60 e ’70 per la rivista Parol- Quaderni d’Arte e di Epistemologia, per la casa editrice Calibano ha pubblicato Pier Paolo Pasolini un intellettuale inaudito. Riflessioni sulla cultura e l’arte all’epoca della società dei consumi. Studiosa di storia del teatro, dell’arte moderna e contemporanea ha collaborato con il Centro Teatro Calabria nell’organizzazione di spettacoli teatrali. È stata curatrice della materia presso l’Università degli Studi della Calabria e collabora con periodici d’informazioni come Il Quindicinale, Il Nuovo Corriere della Sila e per la rivista on-line Multiversi.
16 ARTICOLI

Pasolini e la Calabria: un viaggio tra passato e futuro

La Calabria rappresentava un luogo giusto per le personali indagini e riflessioni antropologiche di Pier Paolo Pasolini. Una regione che, insieme a tutti i sud del mondo, incarnava la...

Venuti dal Mare, drammaturgia di un tempo policronico

Il ricordo è solo la costruzione di una realtà soggettiva, emozioni improvvise che agiscono costruendo, o ri-costruendo, un tempo oggettivamente inesistente, ma concreto nella percezione di impressioni dettate da...

Antonello Antonante: il sacro fuoco del teatro ritorna ad ardere

Il 6 luglio scorso il quattrocentesco chiostro della chiesa di Sant’Agostino, oggi parte del polo culturale del Museo dei Bretti e degli Enotri nello storico rione Massa di Cosenza, si...

Donne sull’orlo di una crisi di Omero

Sono belle le donne raccontate da Omero, attraverso l’arte della tessitura e la cura della casa conquistano gli uomini e restano fedeli ai mariti. Altre s’innamorano follemente di un...

Ponti: la Calabria marginale tra oblio, paura e utopie

  Se dovessi pensare a un’immagine della Calabria da trasmettere come metafora della realtà socio-politica del nostro tempo opterei per quella dei suoi ponti. Tre nello specifico, anzi due ponti...